Prenota Ora !

 

Gli Etruschi rappresentano ancora oggi una delle pagine più affascinanti, misteriose e complesse del percorso evolutivo del bacino del Mediterraneo. Popolo fiero e combattente giunse ad altissimi livelli nelle arti e nella struttura sociale, doti che lo portarono ad una egemonia secolare soprattutto nella bassa Toscana e nel Lazio prima dell'avvento di Roma. 
Il grande senso di devozione e rispetto per i defunti è testimoniato negli straordinari siti funerari come le Necropoli di Cerveteri Tarquinia e Vulci che, con la loro struttura "urbanistica" e gli affreschi delle camere sepolcrali rappresentano una testimonianza unica ed eccezionale dell'antica civiltà etrusca.

Vulci - Poco resta dell'antico splendore ma, nonostante l'incuria, i saccheggi e le devastazioni per troppo lungo tempo perpetrati, Vulci ha fornito migliaia di reperti di alto valore storico e artistico, reperti che arricchiscono diversi musei, soprattutto europei, ma sparsi un pò in tutto il mondo

L'Antiquarium o Museo Nazionale Vulcente è ospitato dal 1975 nel suggestivo e pittorescoCastello della Badia (o dell'Abbadia) realizzazione medievale con aggiunte cinquecentesche (il Ponte è talmente ardito da meritarsi l'appellativo di Ponte del Diavolo)

La Tomba di Francois, complessa, ricca e raffinata, rappresenta una delle più alte testimonianze dell’arte e della cultura etrusca, un mirabile e stupefacente compendio dei capolavori (molti portati nel Museo dei Torlonia di Villa Albani) – dai gioielli agli affreschi che comprendono tutte le espressioni artistiche di questo popolo

Tarquinia questa necropoli sono circa 6.000 le tombe, di ogni forma e dimensione, molte delle quali completamente dipinte con decorazioni che costituiscono la più completa documentazione delle meraviglie della pittura etrusca.
Grande è lo stupore nell'entrare nelle tombe dipinte di Tarquinia: scene di banchetto, i musici, i danzatori, i giocolieri tutti sembrano voler con forza trasmetterci un'allegria, una concezione diversa della morte, da vedere con maggior serenità, come un evento ineluttabile che ci accomuna e travolge tutto e tutti.
Il museo - raccoglie migliaia di reperti esposti in ordine cronologico: vasi e oggetti villanoviani, ceramica etrusca e greca con capolavori unici, sarcofagi e bronzi, gioielli e sculture, ex voto e monete.

Necropoli della Banditaccia Cerveteri - Migliaia di tombe di vario tipo e dei diversi periodi etruschi (arcaico, orientalizzante, più recente), tumuli grandiosi, vie e piazzette sepolcrali, numerosi sepolcri formano qui una grandiosa, impressionante e monumentale sorta di città dei defunti ove è riflessa la civiltà etrusca
Reperti, arredi e corredi, sculture e altre opere d'arte e di raffinato artigianato etrusco di alto livello sono ora ad arricchire il repertorio di molti musei in Italia e nel mondo

Vasi etruschi

            

Sarcofagi

                

Pitture

Tombe